stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Netturbini senza paga, sciopero in sei città dell'Agrigentino
LAVORO

Netturbini senza paga, sciopero in sei città dell'Agrigentino

di

AGRIGENTO. In sei Comuni dell' agrigentino torna l' emergenza rifiuti. La Cgil e la Cisl della funzione pubblica, considerato che sono in ritardo i pagamenti degli emolumenti arretrati per gli operatori ecologici della Dedalo Ambiente, hanno proclamato lo sciopero per il prossimo 27 di settembre. I netturbini di Licata, Canicattì, Palma di Montechiaro, Naro, Camastra e Campobello di Licata incroceranno le braccia.

«La Dedalo Ambiente - scrivono Cgil e Cisl - non rispetta il Contratto nazionale di lavoro per quanto riguarda le scadenze dei pagamenti delle spettanze mensili; la società d' ambito versa le somme ai lavoratori dei Comuni che versano il costo del servizio, lasciando indietro gli altri dipendenti, creando disparità di trattamento. Secondo la normativa vigente - aggiungono le organizzazioni sindacali - il pagamento delle spettanze ha priorità nei paga menti». Cgil e Cisl, inoltre, rilevano che «i lavoratori devono percepire il premio di produttività dal 201 3.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X