GLI EVENTI

Vie dei Tesori, Sciacca pronta al debutto

Vie dei Tesori, tre week end tra arte e cultura a Sciacca. Il programma è stato presentato, ieri mattina, nel corso di una conferenza stampa nella sala giunta del palazzo comunale di Sciacca. Il festival è promosso dal comune saccense che ne sta curando al logistica. Ad essere coinvolti, anche sessanta giovani, nell'ambito della formazione scuola/lavoro e tante associazioni che ieri erano presenti. La sala basco del comune si trasformerà in una pinacoteca, dove si potranno ammirare tutte le opere che negli anni sono state donate al comune e che sono sempre rimaste negli uffici.

"Sciacca sarà un debutto, ma è anche una sicurezza - ha detto il vicepresidente de Le Vie dei Tesori, Marcello Barbaro - e abbiamo trovato ragazzi entusiasti. Siamo alla prima edizione, ma già ci segnalano luoghi da inserire il prossimo anno".

Per la "città delle Terme" sono previsti i week end del 13 e 15, 20 e 22 e 27 e 29 settembre, con alcuni appuntamenti speciali come le «passeggiate». La prima, quella del 15 settembre, condurrà alla scoperta di Monte Kronio dove è ancora visibile la grotta di un eremita e le famose grotte, con un'umidità del cento per cento. Un secondo percorso, quello di domenica 22, ricondurrà all'antico quartiere ebraico e alla Giudecca, fino alla sinagoga dove si verrà accolti dall'attuale proprietario. Si chiude con una terza passeggiata, il 29 settembre, che invece permetterà di rivivere i fasti della Sciacca dei nobili signori. Tutte già prenotabili sul sito www.leviedeitesori.it.

Sciacca, è nota anche come la città delle leggende e dei miraggi, da Dedalo che costruisce le famose Stufe di san Calogero sul monte Kronio, all'isola Ferdinandea che sbuca dalle acque e si inabissa dopo poche settimane, lasciando tutti di stucco. Millenni di storia da percorrere, una cittadina in gran parte inedita che non fa parte delle abituali “rotte” dei viaggiatori: anche per questo motivo Le Vie dei Tesori la vuole proporre come meta, aprendo 12 luoghi che nascondono vere meraviglie. «Sciacca è veramente piena di siti del tutto sconosciuti che così saliranno alla ribalta - dice il vicesindaco Gisella Mondino - apriamo la chiesa di santa Margherita, di solito inaccessibile, che è straordinaria e al Comune, esporremo tutte le opere che negli anni sono state donate dagli artisti».

Per chi avrà voglia di scoprire posti incantevoli, di arte, cultura e storia, potrà godere e assaporare l'atmosfera dai palazzi storici, alle chiese antiche, al Castello Incantato dove sarà esposta la “chiave dell'incanto”, una scultura lignea “erotica” che Filippo Bentivegna usava come tramite ogni volta che incontrava una bella donna.

La notizia completa nel Giornale di Sicilia in edicola

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X