stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Ad Agrigento grande partecipazione alla "Lunga notte della cattedrale"
L'EVENTO

Ad Agrigento grande partecipazione alla "Lunga notte della cattedrale"

La cattedrale di San Gerlando si è riappropriata del suo ruolo: è tornata ad essere il fulcro centrale della vita e delle iniziative del centro storico. Fino alla mezzanotte di venerdì - grazie alla "Lunga notte della cattedrale", iniziativa del Mab, - il duomo di Agrigento era gremito e chiunque, anche soltanto perché incuriosito, ha varcato la soglia del portone della cattedrale è rimasto colpito, incantato: la chiesa Madre era illuminata soltanto dalla luce di 100 candele. Un'atmosfera mistica che ha permesso di cogliere la presenza sacra all'interno del duomo, per poi scoprire i particolari che solo la flebile luce che squarciava l'oscurità riusciva a mettere in mostra.

"Sia la luce e la luce fu" - con i primi versetti del libro della Genesi è stata aperta la nottata. Silenzio, Parola e non parole, la musica del violoncello, il sottofondo di sua "maestà" l'organo della cattedrale, tutto ha concorso a creare un'atmosfera spirituale.

A fare da corona all'iniziativa, la proiezione degli affreschi medievali, "strappati" negli anni Cinquanta del secolo scorso e custoditi al museo Diocesano, sulle lunette dove erano fissati.

L'arcivescovo di Agrigento, il cardinale Francesco Montenegro - dando il saluto ai presenti - ha ringraziato per avere accolto l'invito e ha richiamato al valore della luce tenue e del silenzio che ha detto: "Ci permettono di sentire la presenza di Dio".

"Non ci aspettavamo una presenza così qualificata, adulti, giovani, bambini, intere famiglie - ha detto don Giuseppe Pontillo, parroco della Cattedrale e direttore dell'ufficio Beni culturali della Curia, - . Sono venuti per visitare un luogo e invece hanno fatto esperienza di una presenza. Stiamo lavorando ad un calendario per le serate estive perché la Cattedrale diventi luogo di vita per tutti".

La cattedrale di San Gerlando è stata riaperta - è praticamente risorta dal buio - dopo 8 anni di porte sbarrate, polemiche, vertici e speranze. È stata una festa, mentre il presidente della Regione, Nello Musumeci, annunciava il via libera al contratto con la ditta che, per 425 milioni di euro, si è aggiudicata, dopo le verifiche del Rup Duilio Alongi, l'appalto per l'elaborazione del progetto esecutivo per il consolidamento del colle. Perché c'è, appunto, ancora il colle - sul quale sorge la chiesa Madre di Agrigento - da consolidare e mettere in sicurezza dal dissesto idrogeologico.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X