stampa
Dimensione testo
DA GDS IN EDICOLA

Muse attraverso la musica, applausi per Capodicasa

di

La sala Zeus del Museo archeologico di Agrigento, nell'ambito de «Le domeniche al Parco», ha ospitato la rassegna «Mito e Musica al Museo» per la direzione artistica di Annamaria Van Der Poel e Stefano Tesé.

L'iniziativa, che ha riscosso un grandissimo successo di pubblico, ha voluto promuovere l'incontro della cultura e delle arti nel loro ambivalente rapporto con la mitologia classica attraverso la forza espressiva della musica. In particolare questo concerto è stato dedicato a «Le Muse» in quanto divinità protettrici delle arti, in particolare della musica che è donna per eccellenza nella sua naturale essenza.

Il percorso di ascolto guidato è stato introdotto da Donatella Mangione, archeologa, e poi condotto dalla pianista agrigentina Rita Capodicasa che, anche come docente di lettere, svolge da tempo uno studio sulla figura della donna nell'arte in genere e in particolare nella musica.

«Le muse - spiega Rita Capodicasa -, sono figure femminili ispiratrici di temi musicali. Dal mito greco alle compositrici, alle eroine dell'opera lirica da Euridice a Venere, la donna è presente nel mito e nella musica fino ai nostri giorni».

L'articolo nell'edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X