DA GDS IN EDICOLA

Muse attraverso la musica, applausi per Capodicasa

di

La sala Zeus del Museo archeologico di Agrigento, nell'ambito de «Le domeniche al Parco», ha ospitato la rassegna «Mito e Musica al Museo» per la direzione artistica di Annamaria Van Der Poel e Stefano Tesé.

L'iniziativa, che ha riscosso un grandissimo successo di pubblico, ha voluto promuovere l'incontro della cultura e delle arti nel loro ambivalente rapporto con la mitologia classica attraverso la forza espressiva della musica. In particolare questo concerto è stato dedicato a «Le Muse» in quanto divinità protettrici delle arti, in particolare della musica che è donna per eccellenza nella sua naturale essenza.

Il percorso di ascolto guidato è stato introdotto da Donatella Mangione, archeologa, e poi condotto dalla pianista agrigentina Rita Capodicasa che, anche come docente di lettere, svolge da tempo uno studio sulla figura della donna nell'arte in genere e in particolare nella musica.

«Le muse - spiega Rita Capodicasa -, sono figure femminili ispiratrici di temi musicali. Dal mito greco alle compositrici, alle eroine dell'opera lirica da Euridice a Venere, la donna è presente nel mito e nella musica fino ai nostri giorni».

L'articolo nell'edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X