DA GDS IN EDICOLA

Sciacca, restaurato l'organo a canne: cerimonia alla Madrice
 

Questa sera, alle 20,30, nella chiesa del Carmine, a Sciacca, sarà inaugurato l'organo a canne costruito negli anni ‘50, dalla ditta Schimicci di Palermo, e restaurato dalla bottega organaria Giuliano Colletti di Chiusa Sclafani, con i fondi Cei della Curia Arcivescovile di Agrigento, e col patrocinio del Senato italiano.

Il restauro è costato, complessivamente, 70 mila euro. L'organo è incassato nell'abside e le tastiere, compresa la pedaliera, sono mobili, grazie alla consolle a trasmissione elettrica. Si tratta ovviamente di tecnologie moderne, che hanno apportato innovazioni allo strumento.

Infatti, rispetto agli altri strumenti musicali rimasti ancorati alle costruzioni classiche, l'organo è fra i pochi strumenti in costante evoluzione.  È nato nell'antica Grecia del III secolo a. Cristo già con una complicata meccanica relativa a canali di trasmissione dell'aria, che sfruttavano la pressione dell'acqua, da qui il nome organo idraulico. Da allora ad oggi l'organo a canne ha subìto mutamenti strutturali nonché fonici.

L'articolo nell'edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X