stampa
Dimensione testo
DA GDS IN EDICOLA

Beni culturali, firmata la "Carta di Agrigento"

beni culturali, Carta di Agrigento, cultura, Agrigento, Cultura

Agrigento s'è fatta città apripista. Con la sottoscrizione della bozza strategica sono state poste le basi e i principi fondanti per la richiesta di una legislazione meno farraginosa, di risorse adeguate per incrementare gli investimenti e per incoraggiare i giovani ai consumi culturali.

La firma della «Carta di Agrigento» - da parte del vicepresidente del Comitato delle Regioni e presidente del Consiglio nazionale Anci, Enzo Bianco, e dal sindaco di Agrigento, Lillo Firetto, - dimostra che bisogna far leva, per lo sviluppo, sui beni culturali.

«La ‘Carta di Agrigento' dimostra che di cultura si mangia e sempre più in futuro dovrà essere possibile crescere tutti in una logica che garantisce raffinatezza di contenuti, facendo poesia di un territorio, racconto ricco di risorse e esperienze culturali - ha detto il sindaco di Agrigento Lillo Firetto - . È una sfida che deve coinvolgerci facendo un buon utilizzo dei fondi comunitari. Passiamo dall' Europa delle nazioni e delle regioni all'Europa delle città. Dobbiamo riuscire a far compiere questo memorabile salto per dare risposta ai territori».

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X