stampa
Dimensione testo
MUSEO PIETRO GRIFFO

Gioielli e monete dell’antichità, ad Agrigento il museo apre i suoi scrigni

Un diadema ellenistico, esempio del cosiddetto «dollaro del Medioevo», l’anello appartenuto ad una diciassettenne sepolta in un sarcofago litico interrato nella necropoli romana fuori Porta Aurea, monete bizantine e monili di varie epoche.

Dai depositi del museo archeologico «Pietro Griffo» sono stati tirati fuori e messi in mostra – la vetrina è stata chiamata «FuORIpercorso» - una serie di reperti dimenticati: oggetti che non trovano spazio nell’esposizione abituale. Non sono pezzi di importanza minore, semplicemente sono avulsi dal percorso museale ed ecco perché non trovano spazio nei «classici» percorsi. Ma sono reperti che nascondono storie importanti e preziose testimonianze.

Curata da Giuseppe Parello, Carla Guzzone e Donatella Mangione è stata allestita dunque la collezione «FuORIpercorso», promossa dal polo museale con il sostegno di CoopCulture.  La mostra al museo «Pietro Griffo» di Agrigento sarà visitabile fino al 24 marzo.

L'articolo nell'edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X