stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca La mafia di Palma faceva da garante alla Stidda che voleva sconfinare a Favara e ad Agrigento
OPERAZIONE CONDOR

La mafia di Palma faceva da garante alla Stidda che voleva sconfinare a Favara e ad Agrigento

A Palma di Montechiaro - come accertato da sentenze definitive - è consolidata la convivenza fra l’articolazione territoriale di Cosa Nostra e formazioni criminali denominate «paracchi» sul modello della Stidda. In questo contesto i carabinieri, nell'ambito dell'Operazione condor che in provincia di Agrigento ha portato a nove arresti (5 in carcere e 4 ai domiciliari) e all'emissione di un obbligo di dimora, hanno raccolto indizi sul tentativo di uno degli indagati di espandere la propria influenza al di là del territorio palmese, ossia su Favara e sul Villaggio Mosè di Agrigento. Per questa operazione avrebbe esercitato un ruolo di «garante» il vertice della famiglia mafiore di Palma di Montechiaro, a favore proprio di un esponente della Stidda, al cospetto dell’allora reggente del mandamento di Canicattì.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X