stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Beni confiscati, il Consorzio agrigentino è senza governo e non può gestirli
APPELLO AL PREFETTO

Beni confiscati, il Consorzio agrigentino è senza governo e non può gestirli

Agrigento, Cronaca
Maria Rita Cocciufa, prefetto di Agrigento

Il «Consorzio agrigentino per la legalità e lo sviluppo» ha in Consiglio d’amministrazione scaduto e le cooperative che lo compongono, affidatarie di beni confiscati, rischiano di non avere più titolo per continuare a gestire i beni in affidamento temporaneo attraverso i Comuni. Inoltre i vertici delle cooperative non hanno più un interlocutore istituzionale nel Consorzio, che non può assolvere al rilascio delle attestazioni comprovanti la legittimità operativa dei conduttori delle centinaia di beni confiscati e loro assegnati. Soprattutto terreni e caseggiati agricoli ma anche magazzini ed appartamenti ricadenti nei comuni di Favara, Palma di Montechiaro, Canicattì, Agrigento, Licata, Siculiana e Naro.

Per cercare di smuovere le acque, del problema sono stati investiti prefettura di Agrigento, Agenzia nazionale dei beni sequestrati e Confiscati e Ministero dell’interno, che a breve potrebbero adottare provvedimenti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X