stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Agrigento, insulti sessisti al comandante Carola Rackete: venticinquenne a giudizio
SEA WATCH

Agrigento, insulti sessisti al comandante Carola Rackete: venticinquenne a giudizio

caso sea watch, Carola Rackete, Agrigento, Cronaca
Carola Rackete

Avrebbe atteso l’arrivo della comandante tedesca della nave Sea Watch, Carola Rackete, e le avrebbe augurato di essere violentata, con pesantissime e volgari allusioni razziste: per questo un venticinquenne di Agrigento è finito a processo con l’accusa di istigazione a delinquere. I fatti si verificarono al momento dell’arresto di Rackete, all’alba del 29 giugno del 2019, al porto di Lampedusa.

I carabinieri, presenti sulla banchina, scrissero una relazione di servizio e la inviarono in Procura. Il video, peraltro, fece il giro dei social. L’indagato, difeso dall’avvocato Salvatore Pennica, che si è poi scusato pubblicamente con Carola Rackete tanto che non c’è stato neppure alcun tentativo di costituzione di parte civile, sarà adesso processato con l’accusa di istigazione a delinquere con l’aggravante della finalità di odio etnico, nazionale e razziale.

Il dibattimento, dopo il rinvio a giudizio deciso dal gup del tribunale di Agrigento Stefano Zammuto, doveva entrare nel vivo oggi ma è stato rinviato al 2 febbraio per l’assenza dei testi che non sono riusciti a partire da Lampedusa a causa del maltempo.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X