stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Testa di pecora con proiettile a Palma di Montechiaro: imprenditore ancora nel mirino
INTIMIDAZIONE

Testa di pecora con proiettile a Palma di Montechiaro: imprenditore ancora nel mirino

Quattro mesi dopo i colpi di pistola esplosi contro la nascente struttura ricettiva nella zona di Palma di Montechiaro, l’imprenditore agrigentino che fa parte dell’associazione antiracket "Libero futuro" è tornato nel mirino degli attentatori, come si legge sul Giornale di Sicilia in edicola.

Una testa di pecora con un proiettile conficcato negli occhi è stata lasciata davanti la porta di ingresso dello stesso immobile, senza che nessuno s’accorgesse di nulla, durante la notte fra mercoledì e ieri.

Sul posto sono accorsi prima gli agenti del commissariato di Palma di Montechiaro e poi quelli della Squadra Mobile della Questura di Agrigento. Il silenzio degli investigatori è categorico, ma un fascicolo è stato, naturalmente, aperto dalla Procura di Agrigento.

L’imprenditore agrigentino intimidito fa parte dell’associazione antiracket "Libero futuro" di cui è presidente l’imprenditore empedoclino Gerlando Gibilaro. E proprio Gibilaro, all’inizio dello scorso febbraio, subì un’intimidazione. Anche di questo caso si sta occupando la polizia.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X