stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Mafia nell'Agrigentino, la fuga dopo la soffiata ma l'informazione era fasulla
OPERAZIONE XYDI

Mafia nell'Agrigentino, la fuga dopo la soffiata ma l'informazione era fasulla

di

«L’avvocato mi ha detto che devono fare 52 arresti fra Ravanusa, Canicattì, Palma e Licata. Lo ha detto a mio nipote, ne ho parlato con Lillo Di Caro e ora sto avvisando te». Un collega di Angela Porcello, finita in carcere il 2 febbraio nell’operazione antimafia Xydi, con l’accusa di essere il cassiere e il «consigliori» del mandamento mafioso di Canicattì, avrebbe avvisato il nipote del boss Luigi Boncori di un’imminente operazione antimafia successiva al doppio blitz Assedio-Halycon dell’estate del 2019.

La circostanza emerge negli atti dell’inchiesta, insieme ad una serie di dettagli che fanno apparire pressoché certa una seconda «puntata» dell’operazione. Un avvocato, secondo quanto si apprende, di cui viene fatto il nome, avrebbe messo in guardia il nipote di Boncori dicendogli che ci sarebbero stati 52 arresti, indicando anche il versante geografico. La notizia, che probabilmente era infondata, almeno in quei termini, getta nel panico l’intera consorteria.

L'articolo completo sul Giornale di Sicilia in edicola

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X