stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Mafia di Palma, dal racconto del pentito spunta il gruppo criminale Paracco
COSA NOSTRA

Mafia di Palma, dal racconto del pentito spunta il gruppo criminale Paracco

mafia, Agrigento, Cronaca

«Ci sono poi dei gruppi detti “famigliedde” composti da soggetti che non sono affiliati a cosa nostra ma che sono comunque a disposizione della nostra organizzazione nel senso che ad esempio ci favoriscono nella ricerca di covi per latitanti come è avvenuto nel mio caso». L’ex boss Maurizio Di Gati, capo di cosa nostra agrigentina nei primi anni Duemila, prima di perdere il suo confronto personale con Giuseppe Falsone, racconta agli inquirenti le articolazioni storiche della mafia agrigentina e dei suoi potenziali rivali.

Ed è un racconto particolarmente interessante, quello fatto durante le indagini che hanno portato all’operazione antimafia Oro bianco, perché il clan palmese di Rosario Pace sarebbe stato catalogato come «Paracco», ovvero una cosca parallela sia a Cosa nostra che alla Stidda. L’ex boss, in ogni caso, si sofferma sulle «famigliedde» di Favara, collegate - per il tramite di Giuseppe Blando - al Paracco.

L'articolo completo sul Giornale di Sicilia in edicola

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X