stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca La difesa del boss agrigentino Falsone: "Revocategli il carcere duro"
MAFIA

La difesa del boss agrigentino Falsone: "Revocategli il carcere duro"

di

«Da anni ha mostrato di avere reciso ogni legame con Cosa Nostra, nessuna indagine ha fatto sospettare dell’esistenza di contatti con l’organizzazione criminale»: la difesa del boss Giuseppe Falsone, catturato dalla polizia a Marsiglia, il 25 giugno del 2010, dopo oltre un decennio di latitanza, conclusa con la fuga all’estero dove si era rifatto una vita, prova a chiedere la revoca del 41 bis al quale, ininterrottamente, è sottoposto da un decennio.

Il tribunale di sorveglianza di Roma, nelle scorse settimane, ha rigettato la richiesta sostenendo che «il rischio di contatti con l’esterno è ancora sussistente». Il suo legale Angela Porcello ci riprova in Cassazione dove, nelle scorse ore, si è tenuta l’udienza per discutere il ricorso. La decisione è attesa a breve.

Falsone, quando fu arrestato, era a capo di cosa nostra agrigentina e, secondo gli inquirenti, era il numero due in Sicilia, per spessore e prestigio criminale, conquistato sul campo contro il suo grande rivale, il racalmutese Maurizio Di Gati che fu pure costretto a ritirarsi e collaborare con la giustizia dopo l’omicidio del suo braccio destro Carmelo Milioti, assassinato – pare – dallo stesso Falsone, dal barbiere, per dargli un segnale.

L'articolo completo sul Giornale di Sicilia in edicola

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X