stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Agrigento, nasce l'ambulatorio veterinario pubblico per i randagi
PROTOCOLLO ASP

Agrigento, nasce l'ambulatorio veterinario pubblico per i randagi

di

Un randagio sta aspettando il suo pezzo di pane, si chiama Ercole. È fermo davanti ad un panificio, al Villaggio Peruzzo, qui lo conoscono tutti. A San Leone è facile incontrare Romeo e Giulietta, uno è marrone l’altra nera. Sono cani di quartiere, sterilizzati e rimessi in libertà. Ogni strada di Agrigento ha i suoi.

Ci sono in via Atenea, nel centro storico e perfino alla Valle dei Templi. Molti sono ancora da sterilizzare. È questo l’unico metodo per fermare l’emergenza randagismo. Ne è convinta l’amministrazione comunale. I diritti degli animali e la salvaguardia della salute non possono passare in secondo piano.

Per questa ragione l’amministrazione comunale, tenuto conto di quanto segnalato dai cittadini anche sui social, circa i cani randagi che stazionano in diversi luoghi della città, fa sapere che la situazione è in constante monitoraggio e per farlo serve il supporto di tutte le associazioni animaliste e di volontariato presenti nel territorio. L’intento è quello di procedere alla sterilizzazione e anche alla microchippatura.

L'articolo completo nell'edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X