stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca "Scambio di favori col boss di Licata": chiesta condanna per ex consigliere comunale Scozzari
MAFIA

"Scambio di favori col boss di Licata": chiesta condanna per ex consigliere comunale Scozzari

mafia, Agrigento, Cronaca
Giuseppe Scozzari

Il pubblico ministero della Dda di Palermo, Claudio Camilleri, ha chiesto al Gup la condanna a 4 anni e 8 mesi di reclusione per Giuseppe Scozzari, 48 anni, consigliere comunale di Licata fino al 13 luglio del 2019, quando, all’indomani dell’arresto nell’operazione antimafia "Assedio", si dimise.

Scozzari avrebbe, «nell’esercizio delle sue funzioni di responsabile del servizio tecnico del presidio ospedaliero di Licata, ed essendo influente funzionario dell’Asp di Agrigento, garantito corsie preferenziali per l’accesso ai servizi dell’Asp a soggetti indicati dal capomafia Angelo Occhipinti», ma si sarebbe impegnato - secondo l’accusa - «in consiglio comunale a regolarizzare la posizione amministrativa di un terreno, di proprietà di un affiliato, posto sotto sequestro».

«Uno scambio di favori - ha sottolineato il pm - che gli ha consentito, nel giugno del 2018, di essere eletto, nelle file di una lista civica, grazie al sostegno elettorale del boss che gli fece da sponsor». La pena proposta dal pm è già ridotta di un terzo per effetto del rito abbreviato. Scozzari, secondo il magistrato della Dda, è responsabile di concorso esterno in associazione mafiosa perché «avrebbe dato un contributo consapevole e volontario al rafforzamento dell’organizzazione Cosa Nostra, ricevendone in cambio l’appoggio elettorale necessario. Il difensore di Scozzari, l’avvocato Giovanni Di Benedetto, interverrà con l’arringa il 9 dicembre.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X