stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Beni confiscati in alloggi sociali, il progetto del Comune di Agrigento
IL FINANZIAMENTO

Beni confiscati in alloggi sociali, il progetto del Comune di Agrigento

comune, mafia, Agrigento, Cronaca

I soldi non ci sono, ma l'obiettivo che si intende realizzare è socialmente ambizioso. Il comune di Agrigento è intenzionato a riqualicare i beni confiscati alla criminalità organizzata per destinarli ad alloggi sociali, abitazioni che proveranno a far fronte al crescente disagio abitativo.

Per arrivare all'obiettivo, la strada sembra essere già tracciata: serve un progetto capace di andare a «caccia» di fondi. E si sa già a che cosa mirare: al programma operativo Fesr 2014-2020 che prevede un finanziamento totale di 4.557.908 euro, di cui 3.418.431 euro di sostegno dell'Unione e 1.139.447 euro di nanziamento nazionale.

Il Municipio della città dei Templi - per i tre gruppi di abitazione (si trovano al Villaggio Mosè) da riqualicare - ha creato una vera e propria task force, composta da tecnici interni, che dovrà realizzare il progetto di fattibilità tecnica economica.

Il piano dei lavori dovrà completare e adeguare le strutture sottratte a Cosa nostra per ricavarne un decina di alloggi da assegnare, appunto, a chi ha difficoltà abitative: famiglie di indigenti e disoccupati.

L'articolo completo nell'edizione di Agrigento, Caltanissetta ed Enna del Giornale di Sicilia di oggi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X