stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Sciacca, i primari dell'ospedale: preparati al Covid
CORONAVIRUS

Sciacca, i primari dell'ospedale: preparati al Covid

di

Il messaggio è quello di un ospedale sicuro che «riceverà i pazienti Covid soltanto se le altre strutture destinate ad accoglierli non avranno più posti a disposizione. Noi non potevamo farci trovare impreparati». E' il direttore dell'unità operativa di Rianimazione del Giovanni Paolo II di Sciacca, Franco Petrusa, a parlare. Lo ha fatto ieri, assieme ad altri primari e al commissario per l'emergenza Covid negli ospedali di Sciacca e di Ribera, Alberto Firenze.

«Noi siamo operativi nella terapia intensiva di Sciacca - dice Petrusa - che è passata a 10 posti, suddivisa in tre ambienti a pressione negativa. Sono state eseguite opere strutturali e climatico ambientali. Quindi c'è una netta separazione da qualsiasi sistema di areazione all'interno dell'ospedale. Nell'istante in cui si dovesse verificare un aumento di richieste di terapia intensiva tale da fare andare a saturazione i covid hospital in Sicilia daremmo anche noi un aiuto in caso di covid conclamato. Se si dovesse verificare questa emergenza e dopo la saturazione di tutti i posti di covid hospital in territorio regionale».

L'articolo nell'edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X