stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Agrigentini in prima linea al Nord, le storie di chi ha deciso di non tornare
CORONAVIRUS

Agrigentini in prima linea al Nord, le storie di chi ha deciso di non tornare

di

Forse, in discussione non dovrebbe essere soltanto il treno della notte del 7 marzo, quello per la fuga da Milano, ma anche quello mai preso prima, e che avrebbe potuto far rialzare la forza-lavoro siciliana.

L'esodo dell'altra settimana, e non solo, che ha ripopolato il Sud, insieme agli assembramenti in località balneari o in mega aperitivi ‒ ha allertato Silvio Brusaferro dell'Istituto superiore di sanità ‒ potrebbero provocare verosimilmente un picco di nuovi contagiati da coronavirus. Ma tanti sono i meridionali che restano, e resistono, con abnegazione, nelle trincee ospedaliere del settentrione.

Il policlinico San Matteo di Pavia, dov'è stato curato il «paziente 1», è il centro di riferimento regionale per la diagnosi del nuovo coronavirus. «Gli ammalati di Covid-19 hanno bisogno della nostra assistenza, non soltanto nell'igiene personale. Siamo a stretto contatto con loro ma in sicurezza». Martina ha 26 anni, è un'altra siciliana fuori sede ma qui è un operatore socio-sanitario. «La mia prima preoccupazione è bensì per i miei familiari in Sicilia», dice la giovane. «Sono via da sei anni. Con l'emergenza in corso, avrei potuto decidere di tornare a casa. Ho deciso di restare, pur lavorando da precaria».

L'articolo nell'edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X