stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Canicattì, il processo Strike approda in Cassazione
L'INDAGINE

Canicattì, il processo Strike approda in Cassazione

di

Il 23 aprile davanti alla Corte di Cassazione: ultimo atto del processo scaturito dall'inchiesta “Strike”, che ha disarticolato una rete di spacciatori e fatto luce su una serie di episodi di criminalità spicciola legati a furti, rapine e danneggiamenti a Canicattì.

Solo due gli imputati, dopo quattordici assoluzioni diventate definitive e un paio di tronconi processuali ancora in corso. La pena più alta - 5 anni e 2 mesi di reclusione - è stata inflitta a Giovanni Magro, 42 anni. Tre anni e 9 mesi al trentasettenne Diego Paci.

I difensori, gli avvocati Calogero Meli e Angela Porcello, hanno impugnato il verdetto, emesso il 6 dicembre del 2018 dalla Corte di appello di Palermo, che adesso sarà sottoposto al vaglio della Suprema Corte.

L'articolo nell'edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X