stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Delitto Vivacqua, annullate due condanne
CASSAZIONE

Delitto Vivacqua, annullate due condanne

Paolo Vivacqua, Agrigento, Cronaca

Terzo passaggio davanti alla Corte di assise di appello: la quinta sezione della Corte di Cassazione ha deciso che ci sarà un nuovo processo per valutare le posizioni Diego Barba, considerato il mandante dell'omicidio dell'imprenditore ravanusano Paolo Vivacqua, freddato con sette colpi di pistola nell'ufficio della sua azienda a Desio (Monza e Brianza), avvenuto il 14 novembre 2011.

Stessa decisione per Salvino La Rocca, ritenuto l'intermediario: entrambi erano stati scarcerati nell'ottobre scorso per decorrenza dei termini nonostante la condanna pendente a 23 anni di reclusione.

La sentenza della Corte d'Appello di Milano del maggio scorso, con cui venivano condannati Diego Barba e Salvino La Rocca quali mandanti e all'ergastolo Antonino Giarrana e Antonino Radaelli, considerati - invece - gli esecutori materiali del delitto, è la quarta in ordine di tempo. La Corte di Cassazione aveva, infatti, annullato il primo processo d'appello per La Rocca e Barba mentre aveva escluso le aggravanti nei confronti dei due killer.

L'articolo nell'edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X