stampa
Dimensione testo
DAL GDS IN EDICOLA

Giro di squillo a Licata, chieste sette condanne

di

Il racket delle prostitute, spesso anche minorenni: sette degli imputati del secondo filone dell'inchiesta «Lenone», secondo il pubblico ministero Emiliana Busto, devono essere condannati.

Si tratta di Angelo Incorvaia, 66 anni, di Licata; dei rumeni Adriana Maria Cristina Radulescu, 35 anni, Aurel Caruta, 34 anni, e Nicoleta Schiau, 31 anni; di Carmelo Cani, 31 anni, di Palma di Montechiaro, e Angelo Schembri, 63 anni, di Licata. Per due imputati - Marinica Lacramioara «Anna» Pachitei, 36 anni, e Petre Alexandru Roman, 25 anni, entrambi rumeni - il processo, in un primo momento, era stato sospeso perché erano latitanti.

Le accuse ipotizzate sono di associazione a delinquere, sfruttamento e induzione alla prostituzione. Il pm ha proposto la condanna a 6 anni e 6 mesi per Incorvaia; 4 anni e 6 mesi per Radulescu; 6 anni e 6 mesi per Pachitei; 6 anni e 6 mesi per Roman; 4 anni e 6 mesi per Caruta, 4 anni e 4 mesi per Cani e 6 anni per Schembri. Non doversi procedere, per avvenuta prescrizione dell'unico capo di imputazione contestato, per Schiau.

L'articolo nell'edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X