stampa
Dimensione testo
OPERAZIONE PONOS

Il dramma del caporalato ad Agrigento, una donna ha abortito per la fatica

caporalato, Luigi Patronaggio, Agrigento, Cronaca
In 40 stipati in un furgone, storie di caporalato ad Agrigento

Lavoravano dalle 3 di notte fino alle 17 per circa 30 con cui dovevano pagare anche i mezzi di trasporto e gli alloggi per dormire. Dall'operazione contro il caporalato in provincia di Agrigento emerge un quadro raccapricciante.

"Vi era un meccanismo di permessi turistici sfruttati per fare arrivare questi lavoratori che venivano poi privati del passaporto, alloggiati in case procurate dalla stessa organizzazione - spiega il procuratore capo di Agrigento, Luigi Patronaggio, in merito all'operazione messa a segno fra Campobello di Licata, Canicattì e Naro, chiamata Ponos dal nome di una divinità greca -. Il lavoro avveniva sempre sotto il rigido controllo di guardiani e abbiamo avuto anche un caso di una donna che ha abortito durante le fatiche sui campi".

I fermi, a metà mattinata, sono diventati 8: anche l'ultimo destinatario è stato rintracciato.

"La nuova normativa sul caporalato non ha dato i risultati che il governo e il parlamento si aspettavano. I motivi? L'omertà in primo luogo, le organizzazioni criminali lucrano sul lavoro nero e chi gestisce questi giri ha la consapevolezza di non andare incontro a denunce ed esposti", ha aggiunto Patronaggio in conferenza.
"Per sfruttare il lavoro nero - ha continuato Patronaggio che ha coordinato l'inchiesta insieme al pm Gloria Andreoli - bisogna avere le spalle larghe, sapere che nessuno ti denuncerà. Il lavoro nero colpisce in prima battuta gli extracomunitari, ma non solo. Danneggia anche i siciliani che faticano a ritagliarsi uno spazio lavorativo dignitoso e, in generale, rappresenta un grave danno per l'economia".

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X