stampa
Dimensione testo
DA GDS IN EDICOLA

Il pizzo sulle buste paga a Canicattì, una condanna a cinque anni
 

di

Il «pizzo» sulla busta paga e non solo. I dipendenti sarebbero stati costretti a restituire in contanti parte dello stipendio e del trattamento di fine rapporto.

Il classico sistema del «cavallo di ritorno» nei confronti degli impiegati che, peraltro, secondo quanto ipotizzato dalla Procura e adesso accertato dal giudice nel primo grado di giudizio, sarebbero stati costretti, con la minaccia del licenziamento, ad accettare anche condizioni lavorative ed economiche ampiamente al di sotto di quanto previsto dal contratto.

Il giudice dell'udienza preliminare Francesco Provenzano, al termine del processo con rito abbreviato ha condannato a cinque anni di reclusione, per l'accusa di estorsione aggravata, Calogero Muratore, 59 anni, legale rappresentante della società Dolciaria Srl e, di fatto, responsabile del supermercato Eurospin di Canicattì.

L'articolo nell'edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X