DOPO LO SBARCO

Open Arms, i migranti stanno bene: nessun caso di patologia

Hanno trascorso una notte tranquilla e piena di gioia ed eccitazione per avere finalmente toccato la terraferma gli 83 profughi sbarcati ieri sera dopo 19 giorni in mare. I naufraghi sono stati visitati da due medici del poliambulatorio più altri due inviati dell'Asp di Palermo a supporto, un dermatologo e un ginecologo. Per nessuno degli 83 è stato necessario fare accertamenti perché le loro condizioni sanitarie sono state giudicate buone. Tutti sono stati trasferiti nell'hotspot.

Intanto la nave Open Arms, sotto sequestro preventivo da parte della Procura di Agrigento, ha lasciato il porto di Lampedusa e sta facendo rotta verso Porto Empedocle dove giungerà in serata. L'imbarcazione della ong spagnola, per i Pm, poteva rimanere a Lampedusa, ma si sarebbero determinati problemi per i collegamenti aerei e con i traghetti di linea a causa della vicinanza del molo con l'aeroporto.

La Open Arms poteva anche andare a Licata, come è accaduto in occasione di precedenti sequestri di navi di Ong, o a Porto Empedocle su cui è ricaduta la scelta. (ANSA)

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X