stampa
Dimensione testo
DA GDS IN EDICOLA

Abusi su una ragazza, ad Agrigento processo alla madre e al convivente

di

La Procura e la presunta vittima insistono: il netturbino cinquantaduenne, con la complicità della compagna di quindici anni più giovane, madre della ragazzina, avrebbe abusato per sette anni della figliastra. La vicenda, dopo l'assoluzione decisa dai giudici della prima sezione penale del tribunale di Agrigento, è stata impugnata sia dai pm, dopo le dure richieste di condanna in primo grado (9 anni per l'uomo, sette per la compagna), che dal difensore di parte civile, l'avvocato Monica Malogioglio, che assiste la ragazzina, oggi ventenne.

Il processo di appello è stato fissato, davanti alla terza sezione penale presieduta da Antonio Napoli, per il 25 settembre. Secondo il collegio di giudici, presieduto da Giuseppe Melisenda Giambertoni, che il 16 novembre del 2017 ha emesso la sentenza di assoluzione, non ci fu alcun abuso e la storia agghiacciante descritta dalla ragazzina, che aveva denunciato e fatto arrestare il compagno della madre accusandolo di averla violentata per sette anni, non ha trovato riscontri.

La compagna dell'uomo, madre della ragazzina, è accusata di concorso in violenza sessuale perché non avrebbe impedito, «avendo l'obbligo giuridico di farlo», che l'uomo abusasse della ragazzina.

L'articolo nell'edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X