stampa
Dimensione testo
IL BLITZ DI LICATA

Mafia e massoneria: gli incontri in un distributore di benzina a Palermo

mafia, massoneria, Lucio Lutri, Agrigento, Palermo, Cronaca
Uno degli incontri immortalati al distributore di benzina

Un distributore di benzina a Palermo. Era lì che si riuniva la loggia segreta su cui ruota l’inchiesta che mercoledì ha portato a sette fermi per associazione mafiosa e concorso esterno.

Nell’impianto di carburanti Eni di Bonagia, come scrive Leopoldo Gargano sul Giornale di Sicilia oggi in edicola, massoni, amici dei mafiosi e altri personaggi cercavano soluzioni per tutelare i loro interessi. L’impianto di carburanti è stato tenuto d’occhio dai carabinieri del Ros, e lì sono stati intercettati il funzionario regionale massone Lucio Lutri e altri personaggi che chiedevano favori e promettevano interventi.

Lì si sarebbero discusse due questioni care a due imprenditori ritenuti vicini alla cosca di Licata: la restituzione dei beni sequestrati ad Angelo Stracuzzi ed i controlli ripetuti nell’allevamento di Giacomo Casa, uno degli arrestati.

La rete di favori avrebbe portato anche ad un caso di corruzione: mafiosi e massoni, infatti, si sarebbero messi d'accordo per ridurre un debito e per questo cercavano un accordo con un legale. Per ora è solo un'ipotesi, come precisano gli stessi inquirenti.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X