stampa
Dimensione testo
DA GDS IN EDICOLA

Abusi e botte alla moglie: condannato un favarese

di

Cinque anni di reclusione per le accuse di maltrattamenti, violenza sessuale e lesioni personali aggravate ai danni della moglie. Calci, pugni, insulti, minacce di morte e persino colpi di pistola sparati in aria per scoprire chi fosse il suo fantomatico amante che neppure esisteva: in una circostanza, l'avrebbe selvaggiamente picchiata, mandandola in ospedale dove le furono refertati traumi per otto giorni di prognosi.

Dopo la denuncia, la vicenda è approdata in aula per il processo che si è concluso con la condanna, emessa dal gup del tribunale di Agrigento, a cinque anni di reclusione. Una pena di poco inferiore ai sei anni che, al termine della requisitoria che si è tenuta in una delle ultime udienze, aveva chiesto il pubblico ministero Gianluca Caputo.

L'articolo nell'edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X