DALL'ISOLA

Migranti, il duello con le Ong non ferma i mini-sbarchi a Lampedusa: l'hotspot "scoppia"

Se da un lato va avanti il braccio di ferro fra le Ong e il governo, dall'altro barchini e gommoni continuano a sbarcare a Lampedusa. Tra ieri sera e la notte appena trascorsa, nel giro di poche ore, si sono registrati due mini sbarchi: sull'isola sono arrivati in totale 29 migranti.

Una piccola imbarcazione è stata intercettata intorno all’una dalla motovedetta dei carabinieri a circa un miglio dalla costa: 19 le persone a bordo, tutte di origini tunisine.

Gli extracomunitari sono stati trasbordati su una motovedetta della guardia costiera e accompagnati in porto da dove sono stati trasferiti nel centro di accoglienza di Contrada Imbriacola.

Poche ore prima, in serata, altri 10 migranti erano stati bloccati a terra dopo essere approdati con un barchino a Cala Galera.

Intanto, l'hotspot dell'isola, che può ospitare un massimo di 97 persone, è sovraccarico: 200 i migranti presenti nella struttura, più del doppio. A lanciare l'allarme è stato il sindaco Totò Martello: "Il Comune non ha alcuna competenza in merito, sono altre le istituzioni che devono far si che i migranti, una volta giunti sull’isola, restino nell’Hotspot non oltre il tempo previsto, che è di 24-48 ore, e quindi vengano trasferiti in strutture adeguate. Invece cosa succede? Si continua a ripetere che ‘il porto di Lampedusa è chiuso’ quando invece gli sbarchi non si sono mai fermati: la maggior parte dei migranti raggiunge l’isola a bordo di piccole imbarcazioni che approdano lontano dalle telecamere, mentre si gioca una battaglia politica senza scrupoli sulla pelle delle persone che sono a bordo di navi delle Ong", attacca il primo cittadino.

Un fenomeno continuo, quello delle piccole imbarcazioni che, per lo più di notte o all'alba, giungono sul molo dell'isola e che sembra inarrestabile. In una recente intervista il premier Conte ha assicurato che il governo è al lavoro per trovare una soluzione: "È chiaro che intercettare barche di modeste dimensioni è più difficile. Assieme ai ministri competenti siamo già al lavoro per riuscire ad arginare anche questo fenomeno".

 

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X