stampa
Dimensione testo
ONG

Caso Sea Watch, dopo il dissequestro la nave lascia il porto di Licata

La nave Sea Watch, al centro di un braccio di ferro fra magistratura e governo dopo lo sbarco di 47 migranti a Licata, successivo al sequestro disposto dalla Procura della Repubblica di Agrigento, lo scorso 20 maggio, ha lasciato il porto agrigentino.

La scorsa settimana, il procuratore aggiunto di Agrigento Salvatore Vella e il pubblico ministero Cecilia Baravelli, che hanno iscritto nel registro degli indagati, per l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, il comandante Arturo Centore, ha disposto il dissequestro dopo avere concluso perquisizioni e controlli.

A distanza di alcuni giorni, l’imbarcazione della Ong ha mollato gli ormeggi per tornare nelle acque Sar. «Per oltre tre settimane - commenta la Ong - il Mediterraneo centrale è rimasto senza nessuna nave civile di soccorso pronta a salvare le persone in fuga dalla Libia». (AGI)

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X