stampa
Dimensione testo
DA GDS IN EDICOLA

Fondi bloccati, il Tar dà ragione a canicattinese: non dovrà restituire 300 mila euro

Gli avevano concesso finanziamenti pubblici per 300 mila euro per la realizzazione di opere di miglioramento fondiario, ma dopo aver realizzato il suo progetto imprenditoriale la Regione glieli ha richiesti indietro. Il motivo? La sua attività, secondo l'informativa antimafia interdittiva emessa della Procura di Agrigento, sarebbe stata a rischio di condizionamento mafioso.

Il titolare dell'azienda agricola di Canicattì, un 51enne, si è subito rivolto al Tar Sicilia di Palermo, con il patrocinio degli avvocati Girolamo Rubino e Calogero Marino, per l'annullamento, previa sospensione, del provvedimento di revoca del contributo. Richiesta che è stata accolta e che ha evitato il peggio per l'imprenditore siciliano.

L'articolo nell'edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X