stampa
Dimensione testo
DA GDS IN EDICOLA

Furti e rapine in provincia di Agrigento, condannati quattro palmesi

di

Le condanne, per due imputati, sono pure superiori di quelle proposte dal pubblico ministero all'udienza precedente anche se, per l'unico palermitano coinvolto nell'inchiesta è stata decisa l'assoluzione.

La sentenza del processo a carico dei componenti della presunta banda che avrebbe razziato ville, appartamenti e persino chiese è stata emessa ieri mattina attorno alle 14. Il giudice dell'udienza preliminare Stefano Zammuto, in tutto, ha deciso quattro condanne e un'assoluzione.

La pena più alta - 5 anni e 8 mesi di reclusione - è stata inflitta a Franco Lo Manto, 45 anni; 5 anni e 6 mesi a Ignazio Rallo, 37 anni; tre anni e due mesi ciascuno a Roberto Onolfo e Francesco Orlando, entrambi di 26 anni; tutti palmesi. Assoluzione per Nunzio Compagnone, 38 anni, di Palermo. Il pubblico ministero Elenia Manno, al termine della requisitoria, aveva chiesto la condanna di tutti. La pena più alta - 5 anni e 4 mesi di reclusione - era stata proposta per Rallo, 4 anni e 4 mesi per Lo Manto, 3 anni e 4 mesi per Onolfo e Orlando e un anno e otto mesi per Compagnone. Le condanne decise dal giudice sono ridotte di un terzo per effetto del giudizio abbreviato.

L’articolo nell’edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X