stampa
Dimensione testo
L'INCIDENTE A SAMBUCA

Siculiana, folla e commozione per l'ultimo saluto ad Alessio

di
funerali Alessio Airò, Alessio Airò, Agrigento, Cronaca

Un popolo intero ha reso ieri l’ultimo saluto ad Alessio Airò, il fisioterapista trentenne conosciuto e apprezzato da tutti in paese, che amava le moto e la pesca e che ha trovato tragicamente la morte alla vigilia di Capodanno lungo la strada provinciale 70, a Sambuca di Sicilia.

Alessio era in sella alla sua moto Ducati quando è caduto sbattendo il capo: è morto nonostante il casco; si trovava su quella strada con un altro motociclista che era poco distante. Nessun altro mezzo coinvolto, secondo quanto ricostruito dai carabinieri di Sambuca di Sicilia. Quando il giovane siculianese è arrivato con un’ambulanza del 118 all’ospedale Giovanni Paolo II di Sciacca non c’era più nulla da fare.

Ieri, in una chiesa Madre gremita, i funerali sono stati celebrati da don Aldo Sciabbarrasi che è stato, fino a poco tempo fa, parroco a Siculiana e che conosceva bene il giovane fisioterapista siculianese che ha ricordato come «un bravo ragazzo e un serio professionista riservato, altruista ed apprezzato da tutti, un giusto che muore prematuramente, che lascia un grande vuoto nella famiglia e in tutta la comunità».

L'articolo nell'edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X