stampa
Dimensione testo
DA GDS IN EDICOLA

Tentato omicidio a Canicattì, l'ex dell'imputato: "Non mi sono accorta di nulla"

Enza Palermo parla in aula nel processo a carico di Gianluca Scaccia, il trentatreenne di Canicattì fermato il 26 giugno dell'anno scorso per l'accusa di tentato omicidio, perché avrebbe sparato al trentunenne Vincenzo Curto, ex marito della sua nuova compagna, rimasto ferito nell’agguato.

“Non mi sono accorta di nulla, Gianluca era normalissimo e sereno. Non mi parlò mai di questa vicenda e non so cosa sia successo”, ha dichiarato la donna.

Curto, sebbene citato dal pubblico ministero Gloria Andreoli, non è comparso per testimoniare né si è costituito parte civile. Scaccia, durante l'interrogatorio di convalida, si era avvalso della facoltà di non rispondere ma aveva rilasciato delle dichiarazioni spontanee con cui, si discolpava dicendo che non era stato lui a sparare all'indirizzo dell'ex marito della propria compagna, colpito alla gamba e al torace.

“Col mio ex marito – ha detto Enza Palermo - c’erano solo rapporti civili e basta".

La notizia completa nel Giornale di Sicilia in edicola

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X