stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Presunte tangenti all'Irfis ad Agrigento, in 17 sotto accusa ma slitta l'udienza preliminare
IL PROCESSO

Presunte tangenti all'Irfis ad Agrigento, in 17 sotto accusa ma slitta l'udienza preliminare

di

AGRIGENTO. Due notifiche non sono andate a buon fine: parte il processo e subito slitta l'udienza preliminare a carico di diciassette imputati accusati di avere messo in piedi un giro di tangenti in cambio della concessione di prestiti a tasso agevolato da parte dell'Irfis, istituto di credito di cui la Regione è unico azionista.

Il giudice Alfonso Malato, dopo avere accertato che due imputati non avevano ancora ricevuto tutti gli avvisi del procedimento, ha disposto un rinvio al 6 aprile. L’inchiesta, condotta dal pm Andrea Maggioni, trasferito nelle scorse settimane, ruota attorno a due personaggi chiave: il consulente del lavoro Antonio Vetro, 48 anni, di Favara, e il funzionario dell'Irfis Paolo Minafò: entrambi erano finiti in carcere il giorno dell'operazione della Guardia di Finanza.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X