stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Camastra, due ex candidati: "Pressioni per ritirarci dalle elezioni"
PROCESSO VULTUR

Camastra, due ex candidati: "Pressioni per ritirarci dalle elezioni"

CAMASTRA. «Giuseppe Meli ci sconsigliò di candidarci, ci fece capire che avremmo potuto avere problemi e in qualche modo ci disse che non avremmo dovuto portare i voti al candidato a sindaco Gaetano Provenzani». Le minacce, come scrive il Giornale di Sicilia, appaiono un po’ più velate rispetto a quanto dichiarato durante le indagini preliminari alla squadra mobile ma i due aspiranti consiglieri comunali di Camastra, Carlo Ninfosi e Salvatore Todaro, in qualche modo confermano l’ipotesi di un condizionamento della criminalità organizzata alle elezioni comunali che, nel 2013, portarono all'elezione del sindaco Angelo Cascià che sarebbe stato sostenuto (non si ha, comunque, notizia di indagini nei suoi confronti) dalla famiglia mafiosa dei Meli.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X