stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Furti alle condotte a Licata, l’acqua non arriva alle case
IL CASO

Furti alle condotte a Licata, l’acqua non arriva alle case

LICATA. L'acqua scarseggia. I rubinetti delle abitazioni restano frequentemente all'asciutto. Non c'è che un motivo. I furti, ripetuti e praticamente capillari lungo la condotta idrica, impediscono la corretta distribuzione del prezioso liquido e dunque determinano i disservizi. Oltre a Siciliacque - che è la società di sovrambito - anche Girgenti Acque, ieri, ha chiesto, ufficialmente, al Comune di Licata, alla Prefettura e all'Ati, una comune strategia di azione per debellare il fenomeno dei prelievi abusivi. Fenomeno che appunto sottrae l'acqua potabile veicolata dall’acquedotto Gela-Aragona.

«L’irregolarità della fornitura idrica ai serbatoi del Comune di Licata, diretta conseguenza dei furti, impedisce la corretta esecuzione della distribuzione e determina i disservizi - hanno, chiaramente, scritto il direttore generale di Girgenti Acque Giandomenico Ponzo e il consigliere delegato Francesco Barrovecchio - . Soprattutto nel periodo estivo, la sottrazione di ingenti quantità dall'acquedotto, a causa di tali atti delinquenziali, riduce significativamente la disponibilità idrica del gestore di sovrambito, con conseguenti limitazioni della risorsa a disposizione dei serbatoi comunali».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X