TRIBUNALE

Tangenti al Comune, La Mendola e Nigro restano ai domiciliari

CAMPOBELLO DI LICATA. I giudici del Tribunale del Riesame di Palermo hanno rigettato la richiesta di revoca della misura cautelare per Francesco La Mendola, 49 anni e Giuseppe Nigro, pure lui di 49 anni, dirigente del settore Ambiente dello stesso ente, arrestati dai carabinieri del nucleo operativo di Agrigento, con l’accusa di concussione (per La Mendola) e di concussione in concorso (per Nigro) per avere chiesto una tangente ad una impresa di Licata che si occupa di bonifica ambientale in modo da agevolare il pagamento di una fattura.

I due dipendenti comunali, come si legge sul Giornale di Sicilia oggi in edicola, restano dunque agli arresti domiciliari.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X