stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Canicattì, confermato il dissequestro dei beni del boss Di Bella
IN APPELLO

Canicattì, confermato il dissequestro dei beni del boss Di Bella

CANICATTI'. La Corte d’Appello di Palermo ha confermato il dissequestro di buona parte dei beni del boss Angelo Di Bella, 60 anni, di Canicattì  decisa nel giugno 2013 dal Tribunale di Agrigento. Di Bella era stato arrestato nel corso delle operazioni «Camaleonte» ed «Agorà».

L'uomo era stato pure sottoposto alla misura della sorveglianza speciale per tre anni. I beni dissequestrati sono 3 ditte individuali, 5 società, immobili e conti correnti. Il valore del patrimonio sequestratogli nel novembre del 2011, ed affidato in gestione commissariale in questi anni, era stato quantificato in circa 80 milioni di euro.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X