stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Riabilitata dal Cga una ditta di Favara: «Non ci sono elementi di infiltrazione mafiosa»
TRIBUNALE

Riabilitata dal Cga una ditta di Favara: «Non ci sono elementi di infiltrazione mafiosa»

di

FAVARA. Il Consiglio di giustizia amministrativa riabilita un’impresa di Favara che era stata destinataria di un'interdittiva antimafia. La vicenda giudiziaria si è definita dopo circa quattro anni. Il titolare dell'attività si era pure incatenato davanti alla Prefettura per protesta. La società “Chianetta Ferro”, con sede a Favara, è un‘azienda a conduzione familiare, dove sono impegnati quindici dipendenti, che si occupa prevalentemente di produzione di carpenteria metallica. L’attività viene svolta all'interno di uno stabilimento industriale realizzato grazie ad un contributo erogato dal ministero dello Sviluppo economico e ad un contratto di mutuo stipulato con Irfis Sicilia.

Nel 2013 la società richiedeva alla Prefettura di Agrigento l'iscrizione nella “White list”, vale a dire nell'elenco delle imprese che vengono dichiarate non soggette ad infiltrazione mafiosa e, quindi, possono contrarre liberamente con gli enti pubblici. Per sollecitare l’iscrizione il legale rappresentante della società, sostenendo che il procedimento amministrativo procedesse con troppa lentezza, si incatenò davanti alla Prefettura per protesta.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X