stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Palma di Montechiaro, pioggia di proiettili per uccidere Azzarello
IL DELITTO

Palma di Montechiaro, pioggia di proiettili per uccidere Azzarello

PALMA DI MONTECHIARO. «Pioggia» di proiettili per uccidere, martedì scorso, Salvatore Azzarello, 39 anni, incensurato, di Palma di Montechiaro. I due killer, in contrada Burrainiti, hanno esploso - secondo quanto è stato accertato dall'autopsia effettuata dal medico legale Cataldo Raffino dell'università di Catania - due colpi di fucile, calibro 12, caricato con proiettili a pallini e nove colpi di pistola calibro 9.

Nessuna possibilità di scampo, dunque, per l'uomo, proprietario di un'azienda agricola che si occupa anche di movimento terra. Contrariamente a quanto era emerso, durante le primissime battute investigative, i colpi sono stati esplosi a raffica. Non tre, forse quattro. Ma complessivamente 11 colpi. Colpi sparati anche da distanza ravvicinata. Perché l'agguato, realizzato da due assassini, era stato - per come ipotizzato già da diversi giorni - ben programmato e pianificato, fin nei minimi dettagli.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X