stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca "Discarica abusiva" a Favignana, imprenditore assolto
TRIBUNALE

"Discarica abusiva" a Favignana, imprenditore assolto

di

FAVIGNANA. «Il fatto non sussiste». Con questa motivazione, il Tribunale di Trapani ha assolto dall’accusa di discarica abusiva l’85enne Francesco Orofino, noto imprenditore del settore turistico nato a Palermo, ma residente a Napoli, rappresentante legale delle società “Timog” e “Aurum gestioni”.

Quest’ultima gestisce, a Favignana (contrada Cala Grande), il noto albergo-villaggio turistico “L’Approdo di Ulisse”. Ed è stato proprio in un appezzamento di terreno di “pertinenza” dell’albergo (area di cui è proprietaria la “Timog”) che all’inizio del 2014 furono scoperti rifiuti di vario genere: tubi di plastica, materiale elettrico ed edile di risulta, lastre di vetro, tavole da surf, una vecchia canoa, un gommone, vecchi pneumatici di auto, casseforti, ombrelloni, sedie sdraio, materassi, cuscini, carcasse di elettrodomestici, vecchi televisori e frigoriferi, telefoni, scaldabagni, cucine, lavastoviglie, condizionatori, congelatori, mobili in legno, ferro e plastica, tavoli, sedie letti, reti metalliche ed altro. Insomma, una grande discarica abusiva su un’area di circa 250 metri quadrati ad est della struttura ricettiva.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X