DENUNCIA DELL'ENPA

Da Agrigento a Sciacca è allarme randagismo

di

AGRIGENTO. Mille cani randagi ospitati, tra rifugi e canili, ad Agrigento, Siculiana, Licata, Ribera, Sciacca e S. Margherita. Ma non bastano. Ne occorrono almeno altrettanti. È allarme rosso per il randagismo perché le città sono invase dai cani e c’è pure chi, con gesto criminale, avvelena i randagi.

L’ultimo caso si è registrato nel quartiere di Fontanelle. Poche settimane fa randagi avvelenati anche Raffadali e prima a Lampedusa e pure nella Valle dei Templi.

Alessandra Montalbano, a capo dell’Ente nazionale protezione animali in provincia di Agrigento, riferisce un dato: «Almeno cento avvelenamenti vengono resi noti, ogni anno, in provincia, ma sono molti di più quelli dei quali non si riesce a sapere nulla. Ho avuto notizie di cani avvelenati a Ribera, ma ogni giorno ci arrivano nuove segnalazioni. Il problema sta diventando enorme e di difficile soluzione».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X