stampa
Dimensione testo
IL PROVVEDIMENTO

Truffa alle poste di Castrofilippo, obbligo di firma per l'ex direttore

di

CASTROFILIPPO. Prima la richiesta di sospensione dal servizio e il sequestro dei suoi beni con l’accusa di avere truffato gli anziani clienti per oltre 200 mila euro. Adesso anche l’obbligo di firma. Vincenzo Di Rosa, 56 anni, di Agrigento, ormai ex direttore dell’ufficio postale di Castrofilippo, perché l’ente dopo gli accertamenti ispettivi lo ha rimosso, dovrà andare per due volte alla settimana negli uffici di polizia per firmare sull’apposito registro.

Il gip del tribunale di Agrigento, Francesco Provenzano, ha applicato nei suoi confronti la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Il pubblico ministero Alessandra Russo, titolare dell’inchiesta, aveva chiesto gli arresti domiciliari ma il giudice ha ritenuto sufficiente l’applicazione dell’obbligo di firma anche in considerazione del fatto che è stato rimosso dal suo incarico e, di conseguenza, le esigenze cautelari si sono affievolite nettamente.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X