Questo sito contribuisce all’audience di Quotidiano Nazionale

Si finse esattore dei boss, condannato in appello ad Agrigento

Tribunale di Agrigento

AGRIGENTO. «Mi mandano Gerlandino Messina e Matteo Messina Denaro, dovete fare una colletta e pagare». Il messaggio, decisamente ambizioso sul piano criminale, arrivava dopo il ritrovamento del più classico ricatto del racket mafioso: il ritrovamento della colla sui lucchetti dei negozi.

Dopo la condanna in primo grado arriva la conferma in Corte di appello: il sessantunenne Ignazio Natalello aveva puntato decisamente troppo in alto ma le presunte vittime dei suoi tentativi di estorsione non hanno ceduto e, probabilmente, non gli hanno mai creduto fino in fondo.

I giudici di appello hanno confermato la sentenza del gup Alfonso Malato che gli aveva inflitto due anni e due mesi di reclusione per l’accusa di tentata estorsione.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE 

Digital Edition
Dal Giornale di Sicilia in edicola

Scopri di più nell’edizione digitale

Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale.

Leggi l’edizione digitale
Edizione Digitale

Caricamento commenti

Commenta la notizia