stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Lampedusa, 49 tunisini sbarcano sull'isola
MIGRANTI

Lampedusa, 49 tunisini sbarcano sull'isola

LAMPEDUSA. Quarantanove tunisini sono sbarcati oggi a Lampedusa. Trenta sono stati soccorsi dalla Guardia costiera a nord dell'isola (probabilmente erano diretti verso la costa meridionale della Sicilia), su un'imbarcazione con il timone in avaria; 19 sono arrivati direttamente a Lampedusa e sono stati trovati sulla spiaggia dell'Isola dei Conigli.

E oltre 140 persone a bordo di un gommone in difficoltà sono state tratte in salvo questa mattina al largo delle coste libiche a ovest di Tripoli dalla nave Aquarius della organizzazione umanitaria italo-franco-tedesca SOS MEDITERRANEE che opera in partenariato con MSF.

Si tratta di 138 uomini e 5 donne, una è in stato di gravidanza. Tra loro 47 minori, di cui 40 non accompagnati. Provengono per la maggior parte dall'Africa Subsahariana. Il gommone sul quale si trovavano è stato individuato alle 8 del mattino, a 10 miglia di distanza dalla posizione della Aquarius.

Un mezzo aereo che sorvolava la zona aveva segnalato anche la presenza di due persone già in acqua, prive di giubbotti di salvataggio. Il gommone appariva già in condizioni precarie e la Aquarius ha attivato subito le procedure per gestire un afflusso massiccio di feriti. Quando ha raggiunto la posizione, era già intervenuta la nave militare irlandese Samuel Beckett (EUNAVFORMED), iniziando la distribuzione dei giubbotti salvagente.

I profughi a bordo del gommone avevano però già cominciato a gettarsi in acqua in preda al panico e la Aquarius è intervenuta mettendo in mare, oltre alle sue lance, anche i dispositivi salvagente galleggianti. Le due persone in acqua senza giubbotto sono riuscite a rimanere a galla aggrappandosi a due taniche di benzina e sono state tratte in salvo dal SAR team di SOS MEDITERRANEE.

"Siamo arrivati appena in tempo. Il pavimento in legno del gommone era già rotto e l'acqua stava entrando all'interno dell'imbarcazione. In queste condizioni, con due persone in acqua senza giubbotti di salvataggio e le altre in preda al panico, che si gettavano in mare a causa delle esalazioni di carburante e delle ustioni, poteva finire molto male. Alla fine siamo riusciti a tirare tutti fuori dall'acqua e il salvataggio è andato a buon fine. Siamo molto sollevati che non ci siano state vittime e felici che tutti ora siano al sicuro sulla Aquarius ", dice Nicola Stalla, vice Coordinatore del SAR team di SOS MEDITERRANEE.

Non risultano al momento casi gravi. Un uomo è arrivato coperto di sangue, potrebbe essersi ferito alla testa durante il salvataggio. Tutti erano in ipotermia. I 143 profughi sono stati successivamente trasferiti sulla nave Phoenix (MOAS), di rientro in Italia per concludere la sua missione per la stagione invernale, in modo da consentire alla Aquarius di rimanere in zona SAR.

La Aquarius è infatti l'unica nave civile di ricerca e soccorso a operare per tutto l'inverno nel Mediterraneo senza interruzioni. Due superstiti hanno raccontato che entrambi hanno tentato una prima traversata finita in tragedia lo scorso 3 ottobre: la loro imbarcazione si è rotta e non è riuscita a raggiungere le acque internazionali. Riferiscono di una dozzina di persone annegate in quel giorno. I sopravvissuti sarebbero stati poi riportati in Libia da una "barca araba" che ha preso il loro motore e li ha lasciati sulla spiaggia di nuovo nelle mani dei trafficanti. Raccontano di essere stati poi rinchiusi in "carcere" fino a ieri, quando sono stati spinti di nuovo in mare.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X