TRIBUNALE

Estorsioni, il boss di Villaseta resta in carcere

di

AGRIGENTO. Fermo convalidato e applicazione della custodia cautelare in carcere per il boss Antonio Massimino, 48 anni.

Niente convalida per il suo presunto gregario Liborio Militello, di un anno più grande, che però resta in carcere perché nei suoi confronti è stata emessa una nuova ordinanza cautelare.

Queste le decisioni del gip di Agrigento, Francesco Provenzano, che ieri mattina ha depositato il provvedimento con cui ha deciso, su rogatoria del tribunale di Palermo, il caso dei due presunti estorsori mafiosi fermati dalla Dia l' 8 novembre. Il provvedimento arriva tre giorni dopo l' interrogatorio nel quale i due indagati hanno deciso di avvalersi della facoltà di non rispondere.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X