RANDAGISMO

In un anno adottati cento cani tra Sciacca e Menfi

di

SCIACCA. Cento cani e anche dieci gatti adottati, tra Menfi e Sciacca, nel 2016, grazie all' associazione "Amici di Olivia" ed al gruppo tedesco "Strunerhilfe Sizilien". Parte degli animali, infatti, sono andati in Germania. Altri in Francia, Svizzera e, naturalmente, in Italia, soprattutto nell' agrigentino.

«Se andrà avanti in questa maniera - dice Bianca Franz, dell' associazione - ritengo che il prossimo anno riusciremo ad incidere ancora di più con le adozioni". A Sciacca qualcosa negli ultimi anni è stato risparmiato rispetto al passato per la custodia e il mantenimento dei cani randagi, ma la spesa rimane ingente. E' di poco inferiore ai 300 mila euro all' anno. Nel passato ha superato i 400 mila euro. La gara espletata dal Comune è stata aggiudicata a tre ditte che hanno presentato offerte per i singoli lotti, per la somma complessiva di 280 mila euro, così ripartita: 155 mila euro per la Multiservice Bono Carlo di Sciacca; 30 mila per la Acquisto Peppino di Ribera; 95 mila per la Ciupei Andrea di Santa Margherita Belice. Sono circa 250 i cani che si trovano in queste tre strutture e la differenza di importo è data dal diverso numero di animali ospitati nei singoli canili.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X