stampa
Dimensione testo
PROCURA

Incidente mortale a Raffadali, nuove indagini

di

RAFFADALI. «L' inchiesta non può essere archiviata perché è necessario fare chiarezza sulle effettive modalità di svolgimento del fatto». Il gip Alfonso Malato, per la seconda volta, non accoglie la richiesta della Procura della Repubblica che voleva chiudere il caso dell' incidente che costò la vita al povero Antonino Tuttolomondo, 21 anni, morto il 15 maggio del 2013, otto giorni dopo essersi schiantato contro un muro dopo avere perso il controllo del suo quad. In un primo momento a tutti era sembrato un incidente autonomo.

Il nonno del giovane, fin dall' inizio, sollecitò le prime indagini sostenendo che nell' incidente mortale - avvenuto nel centro di Raffadali era stato coinvolto un secondo mezzo. L' uomo, per ben due volte, si è opposto alla richiesta di archiviazione presentata dal pubblico ministero Santo Fornasier e il giudice gli ha dato ragione. Il giudice, per due volte, ha ascoltato in aula le tesi del pm, dell' avvocato Aldo Virone, difensore dell' automobilista, Alessio Giuseppe Puglisi, 23 anni, che hanno insistito per la richiesta di archiviazione, e del difensore del nonno del ragazzo, l' avvocato Salvatore Pennica, che si è opposto all' archiviazione.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X