stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Licata, il leader degli abusivi chiede scusa
ABUSIVISMO EDILIZIO

Licata, il leader degli abusivi chiede scusa

di

LICATA. Gianluca Mantia, 36 anni, portavoce del comitato degli abusivi di Licata, arrestato e finito a processo per direttissima dopo gli scontri con le forze dell' ordine del 23 maggio, chiede scusa. Lo ha fatto con una lettera, datata 23 settembre e indirizzata al dirigente del commissariato di Licata, Marco Alletto, colpito da un altro manifestante con un pugno al volto, e ai carabinieri.

Mantia, finito a giudizio con altri quattro contestatori, chiede la cosiddetta "messa alla prova". L' istituto, previsto da una recente normativa, prevede la sospensione del processo per lo svolgimento di un "programma di trattamento" di pubblica utilità. In caso di esito positivo il reato si considera estinto. Lo stesso pubblico ministero Francesco Battaglia ha dato parere favorevole.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X